2RS - Rodini Rental Systems
 
 
Contattaci: +39 02 9407 890
  • manutenzione impianti termici
  • manutenzione chiller
  • manutenzione caldaie

2RS - Rodini Rental Systems si propone come Partner celere e affidabile a sostegno di attività di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, backup e test funzionali nel civile e nell’industria, offrendo i propri servizi di noleggio raffreddamento e noleggio riscaldamento.

L’eccezionale flessibilità e l’ampiezza della gamma di chiller/gruppi frigoriferi e caldaie/centrali termiche portatili, da 3 kW a 2000 kW, è in grado di soddisfare le richieste più esigenti provenienti dai settori più variegati.


Glossario - Dizionario tecnico

Qui di seguito un elenco di termini tecnici utilizzati in questo sito con una breve descrizione e collegamanti a risorse eterne per approfondimenti.

Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e la distribuzione di calore. Fonte: wikipedia icona wikipedia

"Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e la distribuzione di calore. In ambito civile si intende il sistema usato per riscaldare ambienti abitativi o lavorativi. ... Quando il riscaldamento viene erogato dagli stessi dispositivi che forniscono anche raffrescamento e altre eventuali variazioni del microclima locale (ventilazione, umidificazione), viene detto dicondizionamento o di climatizzazione.

Tipologie:

La caratteristica di un impianto di riscaldamento è di generare il calore in un punto e trasferirlo ad altre zone.

Gli impianti di riscaldamento si classificano per:

  • Combustibile o fonte di energia usato: carbone, gasolio, gas, legna, energia geotermica, solare o elettrica, teleriscaldamento

  • Topologia e dimensioni: impianti autonomi (una unità abitativa), impianti centralizzati

  • Tecniche e mezzi e temperature di immagazzinamento e trasferimento del calore: convezione, irraggiamento, aria, acqua (vapore), ferro, alluminio, inerti (piastrelle, calcestruzzo)

  • Efficienza e compatibilità con l'ambiente: valutate per emissioni CO2, costo totale, efficienza.

Il metodo più diffuso per generare il calore è di bruciare un combustibile fossile in una caldaia. Il calore viene usato per riscaldare l'aria, l'acqua o il vapore e questi vengono convogliati verso il locali di destinazione attraverso opportuni condotti. Solitamente l'impianto di riscaldamento è abbinato all'impianto di produzione di acqua calda sanitaria e ha la caldaia in comune.

Le differenze tra i sistemi usati dipendono da fattori quali: la disponibilità o economicità del combustibile o della fonte primaria di energia. Ad esempio, dove c'è abbondanza di legna, gli altri combustibili hanno poca giustificazione. Dove è molto sviluppata la rete di distribuzione del gas (alcune regioni italiane ad esempio) fanno preferire il gas della rete a combustibili che richiedono stoccaggio e trasporto (es. gasolio o carbone). Dove è possibile il teleriscaldamento, sarà preferibile alla costruzione e manutenzione di nuovi impianti autonomi. la dimensione e il numero degli ambienti da scaldare. Per trasferimenti di distanze brevi può essere sufficiente usare l'aria calda, ma per grossi impianti è più efficiente l'acqua calda o il vapore. leggi e sistemi economici: dove sono in vigore normative che prediligono fonti di energia rinnovabile, alcuni combustibili fossili tenderanno a sparire (es. carbone, gasolio), a favore di energia solare, gas, o legna." Fonte: wikipedia icona wikipedia


Rodini Rental Systems su Google+

Inserisci il tuo nome e numero di telefono.
Ti richiamiamo subito.

Ai sensi del D.l.gs 196/2003 autorizzo a contattarmi per ricevere informazioni commerciali